Il nostro fiume Simeto è in pericolo!

La Planktothrix rubescens, detta comunemente “alga rossa” o “alga tossica” vive e prolifera nelle dighe siciliane e minaccia gravemente il nostro ecosistema. Si tratta di un’alga altamente tossica, che produce tossine epatotossiche, cancerogene e causa polmoniti allergiche se respirate .
Ad aprile l’Enel intendeva “effettuare ( …) delle manovre di alleggerimento dell’invaso” (diga) di Pozzillo, cioè si voleva versare acqua velenosa, carica di tossine, in un affluente del Simeto, con conseguenze disastrose per il suo ecosistema!
Ricordiamo che lungo tutto il corso del fiume Simeto si trovano una molteplicità di siti di interesse comunitario (SIC), per la conservazione degli habitat naturali, nonché della flora e della fauna selvatiche; alla sua foce, inoltre, è situata la Riserva Naturale Oasi del Simeto, che rappresenta una delle tappe fisse delle rotte di tante specie di uccelli migratori; Per non parlare dell’agricoltura, delle comunità locali che vivono nella zone. Insomma, un vero disastro!
Per fortuna una delegazione dei nostri deputati, sia regionali, che nazionali, attraverso una richiesta di chiarimenti al Ministero della Salute, al Ministero dell’Ambiente, all’Assessorato alla Salute della Regione Siciliana, alla Guardia di Finanza, alla Prefettura di Catania, alla Prefettura di Enna, ai Nas, all’Arpa di Enna, e dopo svariate telefonate al NOE dei Carabinieri e al Direttore dell’Arpa Regionale sono riusciti a scongiurare l’imminente pericolo di avvelenamento dell’ecosistema del fiume Simeto.

Simeto Ponte dei saraceni

Simeto Ponte dei Saraceni (fonte Wikipedia)

Ma la storia non finisce qui!!!
Le alghe tossiche non sono presenti solo nella diga di Pozzillo, ma in molte dighe siciliane Abbiamo, quindi, presentato una mozione, prima firmataria Angela Foti, con la quale si impegna il Governo a ripristinare un tavolo di lavoro serio per studiare ed attuare la bonifica delle acque di tutte le dighe . Noi non molleremo mai!! A riveder le stelle!

Potrebbe interessarti anche...